TRE PONTI SCAFATI 28.09.1943

(Salerno - Campania)

TRE PONTI SCAFATI 28.09.1943

TRE PONTI SCAFATI 28.09.1943
Descrizione

Località Tre Ponti, Scafati, Salerno, Campania

Data 28 settembre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: La città di Scafati, distante da Salerno circa 30 km, subì numerosi e violenti bombardamenti dopo lo sbarco alleato. I tedeschi compirono violenze ripetute, saccheggi, furti e distruzioni (tra le quali quella della Manifattura tabacchi). La popolazione insorse e riuscì, con l’aiuto alle avanguardie alleate, a liberare la città il 28 settembre.
Il 28 settembre i due Casciello, Falanga e Cirillo si stavano dirigendo in un ricovero privato nella località Tre Ponti. Fermati da un soldato tedesco, vennero perquisiti e indosso a Gioacchino Casciello, allievo ufficiale, venne rinvenuta la pistola d’ordinanza, che il tedesco sequestrò. I quattro uomini furono quindi obbligati a raggiungere il ricovero, dove si trovava anche Vincenzo Sorrentino. Poco dopo il soldato raggiunse il rifugio e ordinò ai cinque uomini che vi si trovavano di seguirlo al comando tedesco. Dopo un breve interrogatorio, ai cinque italiani fu ordinato di scavare una fossa. Tentarono quindi di fuggire, ma i tedeschi li mitragliarono. Cirillo, sebbene ferito, riuscì a sottrarsi all’esecuzione, mentre gli altri, non in grado di muoversi, furono finiti con un colpo alla nuca. I cadaveri furono depredati.
Secondo Cortesi, in realtà i Casciello e Falanga erano armati perché stavano partecipando all’insurrezione di Scafati. Bernardo Casciello era un noto antifascista.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Tipo di massacro: punitivo (legato al controllo del territorio fino al 2016-10-12)

Estremi e note penali: Reparto indicato da Carlo Gentile nell’«Elenco atti criminosi in territorio di giurisdizione della Procura Militare della Repubblica di Napoli e perpetratori individuati in base alla documentazione militare tedesca (Bundesarchiv e Deutsche Dienststelle)»

Scheda compilata da Isabella Insolvibile
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-10-13 15:44:02

Vittime

Elenco vittime

Casciello Bernardo
Casciello Gioacchino
Falanga Antonio
Sorrentino Vincenzo

Elenco vittime civili 3

Casciello Bernardo
Falanga Antonio
Sorrentino Vincenzo

Elenco vittime militari 1

Casciello Gioacchino

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie
Bibliografia


Baldi, Ubaldo, Prima che altro silenzio entri negli occhi. Storie di salernitani dall’Antifascismo alla Resistenza: Perseguitati, Partigiani, Ribelli e Combattenti per la Liberazione, “Quaderni dell’Istituto Galante Oliva”, n. 1, aprile 2000;
Cortesi, Luigi et alii, La Campania dal fascismo alla Repubblica. Società, politica, cultura, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1977;
Masullo, Tonino, Antifascismo, Resistenza e Guerra di Liberazione. Il contributo del Salernitano, Salerno, Inter Press, 1999

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

AUSSME N 1-11, b. 2133, fasc. Italia meridionale Campania
Carlo Gentile, «Elenco atti criminosi in territorio di giurisdizione della Procura Militare della Repubblica di Napoli e perpetratori individuati in base alla documentazione militare tedesca (Bundesarchiv e Deutsche Dienststelle)» (per gentile concessione dell’autore)
CPI 25/1