Odi, Faicchio, 13/10/1943

(Benevento - Campania)

Odi, Faicchio, 13/10/1943

Odi, Faicchio, 13/10/1943
Descrizione

Località Odi, Faicchio, Benevento, Campania

Data 13 ottobre 1943

Matrice strage Nazista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini ragazzi 1

Numero vittime uomini adulti 3

Descrizione: Le quattro vittime facevano parte di un gruppo di 128 uomini rastrellati a S. Salvatore Telesino e concentrati a Piedimonte Matese (all’epoca, Piedimonte d’Alife) il 9 ottobre 1943. Il rastrellamento potrebbe essere stato causato da alcuni atti di sabotaggio effettuati nell’area, ma forse rientrò nella deportazione di uomini da impiegare come forza lavoro. Il 13 ottobre i prigionieri riuscirono a scappare (probabilmente grazie all’aiuto del maresciallo dei carabinieri preposto alla loro sorveglianza) o vennero rilasciati, e tornarono in paese. Le quattro vittime, invece, furono catturate di nuovo. I loro corpi vennero rinvenuti dalle truppe alleate nella chiesetta di campagna di S. Francesco, in contrada Odi a Faicchio, il 18 ottobre successivo.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: deportazione della popolazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Note sulla memoria (per maggiori informazioni vedi la sezione apposita): Memoria locale praticamente inesistente.

Scheda compilata da Isabella Insolvibile
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2018-12-31 16:31:12

Vittime

Elenco vittime

Bove Benedetto
De Leva Rosario
Dusmet De Smours Franco
Pezzato Aldo

Elenco vittime civili 4

Bove Benedetto
De Leva Rosario
Dusmet De Smours Franco
Pezzato Aldo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Chiesa, Faicchio

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Chiesa, Faicchio

    Descrizione: Sulla facciata della chiesetta di Faicchio c’è una lapide in onore delle quattro vittime e di un altro caduto (Ferdinando Meneo, di anni 67, di Faicchio), del quale non si hanno altre notizie.

Immagini delle memorie di pietra
Bibliografia


Bove Emilio, L’ultima notte di Bedò, Benevento, Vereja, 2008;
Gribaudi, Gabriella, Le stragi naziste tra Salerno e la Linea Gustav, in Gribaudi, Gabriella (a c. di), Terra bruciata. Le stragi naziste sul fronte meridionale, Napoli, L’ancora del Mediterraneo, 2003;
Vajro, Max, De Leva. Una tragedia del 1943, “Corriere del Mezzogiorno”, 4 agosto 2002.

Sitografia


• http://www.anpi.it/donne-e-uomini/aldo-pezzato/
• http://apemaio.blogspot.it/2010/04/un-luogo-un-tempo-un-libro-faicchio.html
• Aldo Pezzato, in Ultime lettere di condannati a morte e di deportati della Resistenza italiana [http://www.ultimelettere.it/?page_id=35&ricerca=794], url consultata il 28 settembre 2018

Fonti archivistiche

Fonti

CPI 58/3
NARA, RG 153, BOX 544, FOLDER 309
ACS, Ministero dell’Interno, Divisione Generale PS, Italia liberata, 1944-48, busta 2