Frazione Latte, Ventimiglia, 11-28.03.1945

(Imperia - Liguria)

Frazione Latte, Ventimiglia, 11-28.03.1945

Frazione Latte, Ventimiglia, 11-28.03.1945
Descrizione

Località Frazione Latte, Ventimiglia, Imperia, Liguria

Data 11 marzo 1945 - 28 marzo 1945

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 14

Numero vittime uomini 14

Numero vittime uomini adulti 13

Numero vittime uomini senza informazioni 1

Descrizione: Da vol. IV della “Storia della Resistenza Imperiese” pagg. 247 e 248 l'11 marzo 1945 i tedeschi effettuano un rastrellamento nella zona di Buggio – Pigna – Castelvittorio tutti i civili rastrellati vengono portati a Pigna dove un capitano delle SS e due fascisti di Ventimiglia (S. e A.) li esaminano. Al termine dei controlli, i Tedeschi trattengono quattordici giovani (tutti partigiani) in licenza invernale che dovevano ritornare in montagna per raggiungere le rispettive formazioni. I trattenuti sono rinchiusi in una casa isolata, fuori dal paese, oltre il ponte sul Nervia. Nella notte, gli abitanti più vicini alla casa isolata, sentono gli urli dei catturati sottoposti torture inaudite. Alcuni giorni dopo il rastrellamento i 14 giovani, legati e incntenati a due a due sotto scorta armata intraprendono la strada verso Ventimiglia dopo di che, si perdono le tracce. Probabilmente, nella notte del 21 (?) vengono fucilati nel vallone di Lattee i loro corpi coperti con poca terra. Le salme recuperate subito dopo la Liberazione saranno pietosamente ricomposte.
Da altre fonti risulta la data del 28 marzo 1945.
Sempre da Vol. IV sopra citato risulta che la causa della cattura dei 14 partigiani è dovuta dal precedente arresto del partigiano Albini Luigi incaricato dal Comando della V brigata di far rientrare nelle formazioni, dalla licenza invernale, i suddetti partigiani. I nazifascisti trovarono in tasca all'Albini l'elenco dei richiamati. Per questo motivo il capitano delle SS, sulla piazza di Pigna, scelse a colpo sicuro i giovani partigiani per farli fucilare (vedasi anche relazione di Giovanni Rebaudo conservata nell'Archivio ISRECIm III 26)

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: rastrellamento

Annotazioni: Si riscontrano alcune incongruenze sulla data di fucilazione delle 14 vittime:
dal Registro decessi Ufficio prov.le, “Cronache Militari della Resistenza in Luguria” vol. II di Giorgio Gimelli pag.776 e da alcuni documenti conservati nelle cartelle personali dei caduti partigiani risulta la data del 28.03.1945, invece da “Storia della Resistenza Imperiese” vol. IV di Francesco Biga pagg. 247 e 248 si evince come data il 21.03.1945 ed in ultimo da “Memoria nella Pietra – Monumenti alla Resistenza ligure 1945-1995” a cura di Mirco Bottero pag.225 e dalla maggior parte dei documenti conservati nelle cartelle personali dei caduti partigiani viene riportata la data del 19.03.1945.

Inoltre il caduto partigiano Rebaudo Primolino risulta caduto a S.Bartolomeo località di Ventimiglia come da “Cronache Militari della Resistenza in Luguria” vol. II di Giorgio Gimelli pag.776 e scheda smobilitazione conservata nell'Archivio ISRECIm cartella II T 306.

Scheda compilata da Sabina Giribaldi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-08-27 15:16:00

Vittime

Elenco vittime

Albini Bartolomeo partigiano (non riconosciuto)
Bordero Luigi (nome di battaglia) “Passoscio” fu Giovanni nato a Pigna il 3.10.1918, anni 26, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3216
Borfiga Luigi (nome di battaglia) “Patata” di Giacomo nato a Pigna il 18.06.1912, anni 32, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3217
Cavallero Giuseppe (nome di battaglia) “Gigli” di Giuseppe nato a Pigna il 8.12.1909, anni 35, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3229
Crovesi Aurelio (nome di battaglia) “Messina” di Isidoro nato a Pigna il 5.08.1922, anni 22, commerciante, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 28.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3233
Di Federico Giuseppe (nome di battaglia) “Pittore” di Francesco nato a Pigna il 5.01.1917, anni 28, pittore, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3236
Giauna Gio Batta (nome di battaglia) “Giauna” di Giuseppe nato a Pigna il 13.02.1908, anni 37, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3249
Pastor Antonio (nome di battaglia) “Passoscio” fu Giacomo nato a Pigna il 17.12.1904, anni 40, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 4.05.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3287
Peverello Maggiorino (nome di battaglia) “Iena” di Giuseppe nato a Castelvittorio il 27.02.1926, anni 18, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 27.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 6118
Rebaudo Primolino (nome di battaglia) “Mile” di Giovanni nato a Castelvittorio il 18.01.1924, anni 21, contadino, partigiano - (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 04.06.1944 al 28.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 6120 (nella scheda di smobilitazione ed in altri documenti risulta fucilato nella località di S.Bartolomeo – Ventimiglia il 28.03.1945 da Archvio ISRECIm II T 306)
Scarella Eugenio (nome di battaglia) “Grazia” di Antonio nato a Pigna il 17.01.1928, anni 17, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3302
Tarabella Alvaro (nome di battaglia) “Alvaro” di Emilio nato a Carrara il 28.06.1916, anni 28, operaio, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 25.08.1944 al 19.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 6111
Torta Gianfranco (nome di battaglia) “Torta” di Giuseppe nato a Ventimiglia il 19.07.1925, anni 19, studente, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 5.06.1944 al 28.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3309
Verrando Pietro (nome di battaglia) “Pinò” di Giacomo nato a Pigna il 25.01.1924, anni 21, contadino, partigiano (II Divis. “F. Cascione” - V brig.) dal 20.08.1944 al 28.03.1945 n° dichiaraz. Integrativa 3314

Elenco vittime partigiani 14

Albini Bartolomeo
Bordero Luigi
Borfiga Luigi
Cavallero Giuseppe
Crovesi Aurelio
Di Federico Giuseppe
Giauna Gio Batta
Pastor Antonio
Peverello Maggiorino
Rebaudo Primolino
Scarella Eugenio
Tarabella Alvaro
Torta Gianfranco
Verrando Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Grenadier-Regiment 253/34. Infanterie-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a Ventimiglia

    Tipo di memoria: commemorazione

    Ubicazione: Ventimiglia

    Descrizione: Ventimiglia ogni anno in occasione della celebrazione del 25 aprile deposizione di corona d\'alloro.

  • monumento a Ventimiglia, via della Resistenza

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Ventimiglia, via della Resistenza

    Descrizione: Edicola in pietra situata in frazione Latte – Via della Resistenza – Ventimiglia. Committente i familiari delle vittime. Autore marmista C. Rossi

Bibliografia


Don Nino Allaria Olivieri (a cura di) I testimoni raccontano, Albenga, Tipografia Stalla, 1999, pagg. 141 e 143
Francesco Biga (a cura di), Storia della Resistenza Imperiese vol. IV, Imperia, 1998, pagg. 247 e 248
Mirko Bottero (a cura di), Memoria nella Pietra,Genova, 1996, pag.225
Giorgio Gimelli (a cura di), Cronache Militari della Resistenza in Liguria, vol. II, Genova, Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, 1985, pag.776

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Registro decessi Ufficio provinciale Igiene di Imperia
Archivio ISRECIm cartelle: II T 119; II T 120; II T 142; II T 157; II T 166; II T 200; II T 282; II T 290; II T 306; II T 328; II T 343; II T 346; II T 356, documenti partigiani.
Relazioni conservata nell\'Archivio ISRECIm cartella: III 26