San Romolo, Sanremo, 15-17.11.1944

(Imperia - Liguria)

San Romolo, Sanremo, 15-17.11.1944

San Romolo, Sanremo, 15-17.11.1944
Descrizione

Località San Romolo, Sanremo, Imperia, Liguria

Data 15 novembre 1944 - 17 novembre 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 11

Numero vittime uomini 11

Numero vittime uomini adulti 5

Numero vittime uomini senza informazioni 6

Descrizione: da una testimonianza Dario Rovella “Lori” (partigiano – com.te squadra – Div- SAP “G. Serrati” dal 2.08.44 al 30.04.45 n° dichiarazione integrativa 19284) pubblicata sul libro “L'Epopea dell'Esercito scalzo” a cura di Mario Mascia casa editrice A.L.I.S (pegg. 285,286,287288:
….. M'incontrati il 15 (novembre 1944) con cichito (Aldo Baggioli) inb attesa di vedere Riccardo. Gli uomini della GAP erano stati decentrati perchè si vedeva un rastrellamento tedesco in forza: soltanto il Comando restava a San Romolo in attesa di spostarsi.
Nella notte ci rifugiamo nel dopolavoro della borgata per riposarci. Eravamo in 5: io, Cichito, Tunin il Verde (Fiorillo), Com. della banda locale, il Ten. Jugoslavo iscia e Giordano.
Erano le 6.30 circa del mattino del 15 novembre, quando Tunin ci sveglia improvvisamente...... Fuori si udivano voci e rumori come uomini in marca. E tutto ad un tratto si scatenò l'inferno: da tutte le parti ci giungevano urla e spari.
Aprimmo: lo spiazzo antistante è occupato da tedeschi armati che corrono tirando e grugnendo come maiali inferociti.
Tre dei miei compagni Cichito, Tunin e Giordano si precipitano fuori fuggendo verso Monte Bignone.
Il nemico li scorge subito e raffica contro di loro: vediamp Cichito, Giordano e Tugnin cadere un istante dopo quest'ultimo si rialza e fugge benchè ferito.
La mia posizione e quella di Miscia è disperata: siamo circondati senza via di scampo. Richiudiamo. Miscia si nasconde nel gabinetto. Io nascondo la pistola mia e quella di Cichito tra una coperta e la chiudo in un armadio e butto le carte compromettenti nella stufa.........
Nello stesso tempo sette otto uomini sfondano la porta e vi irrompono con le armi spianate. Alzo le mani in segno di resa. Mi frugano e a colpi di calcio di moschetto nella schiena mi portano fuori.
Sulla piazzetta del paese erano assemblate un cinquantina di persone …...........
Da qualche casa sparsa fra gli alberi cominciavano ad alzarsi fiamme e colonne di fuoco. L'opera di distruzione era cominciata.
Pochi minuti di attesa, poi un tedesco giunge con due pistole: le riconosco.......I prigionieri vengono vengono passati in rivista mi riconoscono mi fanno uscire dal gruppo e comincia l'interrogatorio mentre altri due tedeschi giungono spingendo innanzi a pedate Piombo che casca esausto al mio fianco.
Di fronte a me erano i corpi straziati di Baggioli e Giordano. Baggioli era steso supino il collo sfigurato dai colpi; Giordano giaceva bocconi con le braccia aperte.
Spiego al capitano che n'interroga che io sono salito a San Romolo per cercare dell'olio per la mia famiglia. Mi ordinano di marciare: pochi passi e sono davanti al plotone di esecuzione- composto da tre uomini, uno armato di machine pistola e due di mitra – ove Piombo mi segue.
…..........Le armi sono sempre puntate su di me a cinque passi di distanza ed io mi attendo si secondo in secondo, una scarica mortale.
Alla fine il maresciallo mi dice: “ tu conoscere partigiani domani a Sanremo parlare ..se non parlare.. caput..” …....
Mi portano indietro: sento una scarica mi volto e scorgo Piombo, fucilato, steso nel suo sangue.
Ci ordinano di salire sul camion con urla, pugni e minacce.
Intanto prima di partire, venne dato fuoco al dopolavoro.
Miscia era dentro: vedemmo ad un tratto la sua nera figura balzare tra le fiamme e correre com il vento verso il bosco.
Gli spararono dietro numerose scariche: seppi poi che la sua giacca, aperta dal vento venne ridotta come una schiumarola, ma egli si salvò.
Giunsero altri tedeschi carichi di galline e conigli razziati e si partì.
E così ebbe termine il rastrellamento di San Romolo nel quale vennero uccisi 5 partigiani delle GAP.
Del centinaio di prigionieri catturati la maggior parte venne rilasciata, otto furono trucidati nelle prigioni di S.Tecla e buttati in mare e poi il resto, tra cui io inviati a Genova, a Marassi e o Casa delle Studente e poi avviati ai campi di concentramento in Germania.
Per parte mia restai in prigione circa cinque mesi, fuggi e raggiunsi le formazioni poco prima della fine, aggregandomi nuovamente alla GAP del CLN di Sanremo con le quali partecipai all'occupazione della città, il 25 aprile.

Dal Vol. III di F. Biga “Storia della Resistenza Imperiese” pag. 345: ….Suppongono (i Tedeschi) che la presenza di formazioni garibladine sia limitata alla zona tra la frontiera e la Valle Argentina; là mobilitano molte spie be corrompono i loro simpatizzanti con ingenti mezzi finanziari. Prima conseguenza: il rastrellamento a San Romolo a nord di Sanremo. I tedeschi ed i fascisti vengono accompagnati a colpo sicuro il 15 di novembre da un certo Micellone che, giunto sul luogo, pieno di livore e odio, urla ai patrioti: - Venite fuori, vigliacchi, se avete coraggio -. ...

Modalità di uccisione: fucilazione,uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: deportazione della popolazione,furto e-o saccheggio,incendio di abitaz

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Sabina Giribaldi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-08-27 10:14:32

Vittime

Elenco vittime

Baggioli Aldo (nome di battaglia “Cichito”) fu Ernesto nato a Sanremo il 14.01.1926, anni 18, commerciante, partigiano ( Divis. SAP “G. Serrati”) dal 20.06.1944 al 15.11.1944, comandante delle Brigate cittadine, n° dichiaraz. Integrativa 15245 fucilato il 15.11.1944
Bombardieri Mario, lavoratore funivia, civile, torturato e gettato in mare, deceduto il 16.11.1944
Bonfante Pietro, ostaggio politico, torturato e fucilato a Santa Tecla il 17.11.1944
Buschiasso Giovanni Battista (nome di battaglia “Verdi” o “Cicin”) di Giuseppe nato a Sanremo il 30.07.1921, anni 23, scalpellino, partigiano ( II Divis. V Brigata) dal 7.07.1944 al 15.11.1944 n° dichiaraz. Integrativa 12372 fucilato il 15.11.1944
Giordano Giovan Battista (nome di battaglia “Cin”) di G.B. nato a Sanremo il 17.05.1911, anni 33, carpentiere, partigiano (II Divis. V Brigata) dal 3.08.1944 al 15.11.1944 n° dichiaraz. Integrativa 3251 fucilato il 15.11.1944
Luison Carlo, lavoratore funivia, civile, torturato e gettato in mare, deceduto il 16.11.1944
Maitonio Luigi, lavoratore funivia, civile, torturato e gettato in mare,deceduto il 16.11.1944
Negro Antonio lavoratore funivia, civile, torturato e gettato in mare,deceduto il 16.11.1944
Petenatti Aldo Giulio (nome di battaglia “Ciccio”) di Liberio nato a Sanpierdarena (GE) il 15.08.1911, anni 33, autista, partigiano (II Divis. V Brigata) dal 7.07.1944 al 15.11.1944 n° dichiaraz. Integrativa 12367 fucilato il 15.11.1944
Piombo Giobatta (nome di battaglia “Piemonte”) di Pietro nato a Sanremo il 9.10.1909, anni 35, scalpellino, partigiano (II Divis. V Brigata) dal 20.05.1944 al 15.11.1944 n° dichiaraz. Integrativa 3290 fucilato il 15.11.1944
Semeria Giobatta, civile, torturato e fucilato a Santa Teclade il 16.11.1944

Elenco vittime civili 5

Bombardieri Mario
Luison Carlo
Maitonio Luigi
Negro Antonio
Semeria Giobatta

Elenco vittime partigiani 5

Baggioli Aldo
Buschiasso Giovanni Battista
Giordano Giovan Battista
Petenatti Aldo Giulio
Piombo Giobatta

Elenco vittime antifasciste 1

Bonfante Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Grenadier-Regiment 253/34. Infanterie-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: L\'A.N.P.I. Sezione di Sanremo organizza, ogni anno nel mese di novembre, una commemorazione in ricordo delle vittime del rastrellamento.

  • lapide a Sanremo, frazione San Romolo

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Sanremo, frazione San Romolo

    Descrizione: Lapide in marmo riferita a combattimento, rastrellamento e fucilazione del 15.11.1944 – frazione San Romolo Comune di Sanremo

Bibliografia


Francesco Biga, Storia della Resistenza Imperiese, vol. III, Imperia, 1998, pagg 345,346 e 347
Mirko Bottero (a cura di), Memoria nella Pietra, Genova, 1996, pagg. 330 e 332
Mario Mascia (a cura di), L'epopea dell'esercito scalzo, Sanremo, ALIS, 2002, pagg. 285,286,287 e 288

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio ISRECIm cartelle: II T 93; II T 128; II T 201; II T 249, II T 289; II T 292; II T 319, documenti partigiani.