Zona Candeasco, Borgomaro, 17.02.1945

(Imperia - Liguria)

Zona Candeasco, Borgomaro, 17.02.1945

Zona Candeasco, Borgomaro, 17.02.1945
Descrizione

Località Zona Candeasco, Borgomaro, Imperia, Liguria

Data 17 febbraio 1945

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini senza informazioni 4

Descrizione: Il 17 febbraio 1945 nella zona di Candeasco (Comune di Borgomaro), i brigatisti neri trucidavano i giovani civili Gaetano Bosceni (ex militare sicilaino), Bruno Brunengo, Silvio Brunengo e Attilio Massa. Catturati a Colle San Bartolomeo, accusati di aiutare i partigiani, prima del massacro erano torturati e derubati di ogni cosa di valore.
Da dattiloscritto contenente il testo del V volume della “Storia della Resistenza Imperiese” (non ancora pubblicato) pagina relativa al Comune di Borgomaro

Modalità di uccisione: fucilazione

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Sabina Giribaldi
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-08-25 20:05:14

Vittime

Elenco vittime

Bosceni (o Boscemi o Buscemi) Gaetano, siciliano, soldato delll\'ex. R.E.
Brunengo Bruno del Comune di Pieve di Teco, civile
Brunengo Silvio del Comune di Pieve di Teco, civile
Massa Attilio del Comune di Pieve di Teco, civile

Elenco vittime civili 4

Bosceni (o Boscemi o Buscemi) Gaetano,
Brunengo Bruno
Brunengo Silvio
Massa Attilio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Legione Autonoma mobile “Ettore Muti”

Tipo di reparto: Reparto speciale

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Sconosciuto Kroth

    Nome Sconosciuto

    Cognome Kroth

    Note responsabile maresciallo

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Pieve di Teco

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Pieve di Teco

    Anno di realizzazione: 1960

    Descrizione: Lapide in marmo riferita a Rapressaglie e fucilazione riferita alle vittime di Pieve di Teco cadute nel periodo 1943-45 tra cui i nominativi di Bruno Brunengo, Silvio Brunengo e Attilio Massa – inaugurata 25 aprile 1959- committente, F.I.V.L., situata nel

Bibliografia


Francesco Biga, Storia della Resistenza Imperiese, vol. III, Imperia, 1998, pagg. 140 e 141
Mirko Bottero (a cura di), Memoria nella Pietra,Genova, 1996, pag. 214

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Archivio ISRECIm cartella: I L 108, Documento relazione di Giovanni Massa, padre di Attilio Massa, inviata alla Prefettura il 9 giugno 1945
dattiloscritto contenente il testo del V volume della “Storia della Resistenza Imperiese” (non ancora pubblicato) pagina relativa al Comune di Borgomaro