Cimitero di Oneglia, Imperia, 31.01-15.02.1945

(Imperia - Liguria)

Cimitero di Oneglia, Imperia, 31.01-15.02.1945

Cimitero di Oneglia, Imperia, 31.01-15.02.1945
Descrizione

Località Cimitero di Oneglia, Imperia, Imperia, Liguria

Data 31 gennaio 1945 - 15 febbraio 1945

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 5

Numero vittime uomini 5

Numero vittime uomini adulti 5

Descrizione: Due colonne composte da soldati tedeschi e fascisti (circa 200 uomini) sorprendono all'alba del 31 gennaio 1945 in località “Nicuni” , presso Tavole (Comune di Prelà), un gruppo di partigiani che aveva passato la note in un casone della zona, dopo un duro combattimento cadano i garibaldini: T. Ricci, M. Zanoni, M. Raviola, B. Dulbecco e E. Ascheri e I. Polesciuk. Rimasti senza munizioni (eterno problema dei partigiani) sono catturati dal nemico: E. Deri, A. Brancaleone, M. Cavallero, B. Giordano.
Mentre il quinto partigiano Carletti Doriano “Mizar” è stato catturato durante il rastrellamento del 25.01.1945 a Villatalla (Comune di Prelà).
I cinque partigiani vengono incarcerati nella prigione di Oneglia (Imperia) torturati, non rivelano i nomi dei loro compagni. Condannati a morte andranno alla fucilazione cantando la canzone partigiana “Fischia il Vento”
Detti nominativi (E. Deri, A. Brancaleone, M. Cavallero, B. Giordano e D. Carletti) sono menzionati sul manifesto (conservato originale nell'Archivio manifesti dell'ISRCIm) in cui il Comando Germanico annunziava che non avendo provveduto a liberare i due soldati tedeschi ed essendo stati uccisi; i venti ribelli, presi in ostaggio, sono condannati a morte (di questi 20: 11 verranno fucilati il 31.01.1945 a Capo Berta, 4 verranno fucilati il 9.02.1945, e gli ultimi 5 fucilati 15.02.1945).
notizie tratte:
dall'articolo di Francesco Biga pubblicato sulla rivista “Patria indipendente” (N° 1 del 22.01.2012) e dal Vol. IV “Storia della Resistenza imperiese” di F. Biga (pagg,92, 94-97, 152 e 153)

Modalità di uccisione: fucilazione

Tipo di massacro: punitivo

Scheda compilata da Roberto Moriani
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2016-03-28 22:54:18

Vittime

Elenco vittime

Brancaleone Adler (nome di battaglia “Oscar”) di Giuseppe nato a Mesola (Ferrara) il 5.09.1925 e residente a Cinisello Balsamo (MI), anni 19, meccanico, partigiano (II Div. “F. Cascione” IV brig.) dal 29.08.1944 al 15.02.1945, n° dichiarazione integrativa 3015, fucilato presso il Cimitero di Onerglia il 15.02.1945.
Carletti Doriano (nome di battaglia “Mizar”) di n.n. nato a Imola (Bologna) il 15.08.1924, anni 20, meccanico, partigiano (II Div. “F. Cascione” IV brig.) dal 26.08.1944 al 15.02.1945, n° dichiarazione integrativa 10508, fucilato presso il Cimitero di Onerglia il 15.02.1945.
Deri Ernesto (nome di battaglia “Deri”) fu Carlo nato a Imperia il 5.09.1922, anni 22, impiegato, partigiano (II Div. “F. Cascione” IV brig.) dal 10.06.1944 al 15.02.1945, n° dichiarazione integrativa 3026, fucilato presso il Cimitero di Onerglia il 15.02.1945.
Cavallero Matteo (nome di battaglia “Stella”) fu Giacomo nato a Fossano (Cuneo) il 22.11.1921, anni 23, operaio, partigiano (II Div. “F. Cascione” V brig.) dal 10.02.1944 al 15.02.1945, n° dichiarazione integrativa 3230, fucilato presso il Cimitero di Onerglia il 15.02.1945.
Giordano Biagio (nome di battaglia “Biagio”) di Vincenzo nato a Monreale (Palermo) il 18.05.1925, anni 19, partigiano (II Div. “F. Cascione” V brig.) dal 28.09.1943 al 15.02.1945, n° dichiarazione integrativa 3230, fucilato presso il Cimitero di Onerglia il 15.02.1945.

Elenco vittime partigiani 5

Brancaleone Adler
Carletti Doriano
Deri Ernesto
Cavallero Matteo
Giordano Biagio

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Grenadier-Regiment 80/34. Infanterie-Division

Tipo di reparto: Wehrmacht
Appartenenza: Heer Wehrmacht

Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Antonio Del Re

    Nome Antonio

    Cognome Del Re

    Stato nominativo generico o non identificato emerso dalla documentazione

    Note responsabile Maresciallo BN

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Imperia, cimitero Oneglia

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Imperia, cimitero Oneglia

    Descrizione: Lapide in marmo riferita a rastrellamento e fucilazione del 15.02.1945, committente CLN provinciale – inaugurazione il 10 febbraio 1946. situata in via I. Pindemonte presso cimitero di Oneglia (Comune di Imperia)

  • commemorazione a

    Tipo di memoria: commemorazione

    Descrizione: Nel 2012 il Comune di Cinisello Balsamo (MI) e il centro documentazione storica di Cinisello Balsamo (dr.ssa Patrizia Rulli) ha realizzato un DVD dal titolo “LE PIETRE RACCONTANO” dove sono contenute alcune schede riferite alla Resistenza nell\'imperiese

Bibliografia


Francesco Biga, Storia della Resistenza Imperiese, vol. III, Imperia, 1998, 92, 94 – 97 , 152 e 153
Mirko Bottero (a cura di), Memoria nella Pietra,Genova, 1996, pag. 208
Mario Mascia (a cura di), L'epopea dell'esercito scalzo, Sanremo, ALIS, 2002, pagg. 94 e 95
articolo di Francesco Biga pubblicato sulla rivista «Patria indipendente», N° 1 del 22.01.2012

Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Elenco stilato sulla base dei documenti originali d\'epoca tedeschi dal prof. Carlo Gentile di Colonia (Germania) storico, ricercatore
Archivio ISRECIm cartelle: II T 124 II T 136; II T 142; II T 165; II T 201; II T 89; II T 168; II T 295; II T 304; II T 308; II T 363, documenti partigiani
manifesto originale dell\'epoca del Comando Tedesco con condanna a morte dei 20 ostaggi (conservato nell\'Archivio Manifesti ISRECIm)