Colle Rustico di Valle Castellana 05-11-1943

(Teramo - Abruzzo)

Colle Rustico di Valle Castellana 05-11-1943

Colle Rustico di Valle Castellana 05-11-1943
Descrizione

Località Colle Rustico, Valle Castellana, Teramo, Abruzzo

Data 5 novembre 1943

Matrice strage Nazifascista

Numero vittime 1

Numero vittime uomini 1

Numero vittime donne anziane 1

Descrizione: Nel 1943 il comune di Valle Castellana era gestito dall’amministrazione fascista di Giosaffatte Frascino.
In seguito alla battaglia di Bosco Martese si aprì un periodo di feroci scontri. I tedeschi che erano stati sconfitti riversarono tutta la loro furia omicida nella ricerca di partigiani e di ex prigionieri, fuggiti dai campi di concentramento nazisti.
Pacifico Cicconi era un contadino con una numerosa famiglia a carico. Malgrado le umili origini sapeva leggere e conosceva la lingua inglese.
Ebbene il Cicconi aveva deciso di ospitare e nascondere, nel proprio fienile, tre prigionieri inglesi, nonostante fosse stato segnalato che qualsiasi aiuto prestato ai nemici dei nazisti sarebbe stato punito con la fucilazione. Tutto il paese era a conoscenza del fatto e malauguratamente i fascisti tradirono il silenzio.
La mattina del 5 novembre 1943 una decina di tedeschi, accompagnati dal fascista Costantino Forti, si recò presso l’abitazione del Cicconi. Il contadino di fronte a tale superiorità salì all’ultimo piano della casa, armato solo di un’ascia, pensando di uccidere chiunque si fosse azzardato ad avvicinarsi. Un maresciallo provò a salire, ma fu colpito dall’accetta. Allora un tedesco dopo aver lanciato nel vano superiore una bomba a mano, che stordì il Cicconi, gli sparò due colpi di pistola, uccidendolo. Gli altri nazisti minacciavano di dare fuoco all’abitazione, mentre la moglie Solidea e i figli riuscirono ad avere salva la pelle, rifugiandosi nella macchia limitrofa.
I responsabili prima di andar via saccheggiarono la casa e per sfregio, essendo ormai vicino l’inverno, spararono ai vetri delle finestre. I tre prigionieri inglesi furono portati via e imprigionati a Teramo.
Il maresciallo ferito fu medicato nella piazza di Valle Castellana, mentre i tedeschi terrorizzavano gli abitanti, sparando in aria. Il giorno dopo la salma di Cicconi Pacifico venne portata al cimitero, seguito da tutta la popolazione locale, comprese le famiglie dei collaboratori fascisti.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio

Tipo di massacro: rappresaglia

Annotazioni: Non si è riusciti a stabilire una responsabilità precisa.
Le notizie trovate fanno riferimento con sicurezza a soldati tedeschi.
Il 5 novembre 1943, secondo Carlo Gentile, giunse a Valle Castellana il 3° Regiment Brandenburg, quindi si potrebbe trattare di tale reggimento.
Nel database della Commissione storica italo-tedesca Commissione parlamentare d’inchiesta compare il nome di Pietro Ciccone ucciso il 5/11/1943 in località Colle di Valle Castellana da elementi nazifascisti perché nascondeva soldati alleati.

Scheda compilata da Alessia D\'Innocenzo
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-06-05 12:21:12

Vittime

Elenco vittime

Cicconi Pacifico Pietro

Elenco vittime legate a partigiani 1

Cicconi Pacifico Pietro

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


Elenco persone responsabili o presunte responsabili


  • Costantino Forti

    Nome Costantino

    Cognome Forti

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Note responsabile Cittadino di Valle Castellana e milite fascista.

  • Giosaffatte Frascino

    Nome Giosaffatte

    Cognome Frascino

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Note responsabile Commissario politico del fascio di Valle Castellana

  • Oreste Machi

    Nome Oreste

    Cognome Machi

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Stato individuato sulla base di inchiesta alleata

    Note responsabile Nato a Teramo il 17 marzo 1910, impiegato, ivi residente. Iscritto al fascio repubblicano, reduce della guerra in Spagna. Secondo due documenti della Commissione Alleata di Controllo (ACC) il suddetto offrì la propria collaborazione ai tedeschi per la ricerca dei patrioti al Bosco Martese, in qualità di caposquadra della milizia.

  • Vincenzo Aloisi

    Nome Vincenzo

    Cognome Aloisi

    Ruolo nella strage Collaboratore

    Note responsabile Cittadino di Valle Castellana e milite fascista.

Memorie

Memorie legate a questa strage

  • lapide a Valle Castellana

    Tipo di memoria: lapide

    Ubicazione: Valle Castellana

    Anno di realizzazione: 2001

    Descrizione: 2 lapidi in onore dei morti civili caduti nella guerra 1940-45. Il monumento fu inaugurato il 24 giugno 2001 con una solenne manifestazione e con il concorso di tutte le Associazioni Nazionali dei carabinieri d’Abruzzo e di Ancona. Alla cerimonia erano pr

  • monumento a Teramo

    Tipo di memoria: monumento

    Ubicazione: Teramo

    Anno di realizzazione: 1977

    Descrizione: Monumento di Augusto Murer per la resistenza teramana. Inaugurato il 23 aprile 1977 in presenza del Presidente del Consiglio On. Giulio Andreotti.

Bibliografia


Casa della cultura “Carlo Levi” Teramo, La Resistenza nel Teramano, Edizioni Abruzzo oggi, Teramo, 1975, p.147.

Sitografia


DHI Roma, La presenza militare tedesca in Italia 1943-1945.
http://it.wikipedia.org/wiki/Valle_Castellana

Fonti archivistiche

Fonti

ACS, ACC, s. 222, bob. 1227 B, fot. 69.0.
AUSSME, Fondo 1.1, b. 2132 bis.
CPI, 9/145.
Comune Valle Castellana, RAM 1943.