Pons, Perosa Argentina, 21.03.1944

(Torino - Piemonte)

Pons, Perosa Argentina, 21.03.1944

Pons, Perosa Argentina, 21.03.1944
Descrizione

Località Pons, Perosa Argentina, Torino, Piemonte

Data 21 marzo 1944

Matrice strage Nazista

Numero vittime 4

Numero vittime uomini 4

Numero vittime uomini adulti 4

Descrizione: Il 21 marzo del 1944 10 uomini, appartenenti alle SS tedesche e partiti da Pinerolo con un carro armato, irrompono alle 12 e 30 a Pons, frazione di Perosa Argentina costituita da 12 case abitate da 12 famiglie. Poche ore prima, quella stessa squadra, aveva incendiato le case delle frazioni di Prageria e Cialme, senza fare vittime. I tedeschi penetrano nelle abitazioni provvisti di armi automatiche e di un lanciafiamme e trovano la maggior parte delle famiglie a tavola. Gli abitanti sono sospinti all’esterno e le abitazioni vengono date alle fiamme. Verso le 13 e 30 perquisiscono la casa di Ferdinando Baret alla ricerca di armi. Intorno alle 15 il Baret esce per verificare se vi sia un principio di incendio: la moglie lo troverà poco dopo freddato con un colpo di pistola alla nuca. Contemporaneamente tre uomini entrano in casa e uccidono il fratello, Alberto Baret con alcune raffiche di mitra. L’altra vittima, Alfredo Bonaud, sembra che abbia mostrato i suoi documenti a un primo tedesco e sia stato poi ucciso da un secondo che sopraggiungeva poco dopo. Vicino alla propria abitazione viene trovato anche il quarto cadavere, quello di Arturo Bernard. Alcuni abitanti del luogo raccontano di udire dietro di loro colpi di mitragliatrice mentre cercano di fuggire dal villaggio verso la montagna: tre donne rimangono ferite. Anche Pietro Bertalmio che difende la figlia da un tentativo di stupro, viene gravemente ferito vicino alla sua abitazione. In questo modo gli abitanti sono costretti a fuggire verso la montagna e a rinunciare ad ogni tentativo di salvare le proprie case. Risulta inoltre che il comando germanico abbia negato agli industriali della zona l’autorizzazione a intervenire con delle pompe per evitare il propagarsi dell’incendio. I tedeschi restano nel borgo fino alle 17.
Si tratta di una rappresaglia, seguita a un periodo di scontri fra truppe di occupazioni e partigiani risoltesi a favore di questi ultimi, compiuta ai danni di un villaggio all’interno del quale i tedeschi pensano vi siano nascosti dei “ribelli”. A differenza di frazioni precedentemente incendiate nel villaggio di Pons si scatena la violenza contro i civili benché risultino presenti solo donne e uomini ‘anziani’, non vengano trovate armi o partigiani nascosti, né alcuna resistenza da parte della popolazione.

Modalità di uccisione: uccisione con armi da fuoco

Violenze connesse: furto e-o saccheggio,stupro

Tipo di massacro: rastrellamento

Scheda compilata da Barbara Berruti
Scarica la scheda in formato .pdf
Le schede monografiche in formato .pdf sono coperte da diritto d'autore.
Ogni uso improprio o non consentito è punibile ai sensi di legge

Ultimo aggiornamento dei dati: 2015-08-19 22:36:03

Vittime

Elenco vittime

BARET Ferdinando
BARET Alberto
BONAUD Alfredo
BERNARD Arturo

Elenco vittime civili 4

BARET Ferdinando
BARET Alberto
BONAUD Alfredo
BERNARD Arturo

Responsabili o presunti responsabili

Elenco reparti responsabili


SS reparto non precisato

Tipo di reparto: Waffen-SS

Memorie
Bibliografia


Sitografia


Fonti archivistiche

Fonti

Tribunale penale militare, f. 15054
Aistoreto, banca dati del partigianato piemontese, http://intranet.istoreto.it/partigianato/default.asp
Commissione Parlamentare d’Inchiesta, 23/87